AREA STAMPA

Piero Santonastaso

DIpartimento Comunicazione

Tel./Phone:
(+39) 3456712454

Fax:
(+39) 06 54070448

e-mail:
areastampa@usb.it

Roma, via dell'Aeroporto 129

Ilva, al tavolo della melina Usb pone 4 condizioni minime per proseguire in negoziato

Nazionale -

Si è conclusa la due giorni di incontri del tavolo sulla cessione del gruppo Ilva. Una due giorni che avrebbe dovuto affrontare nel dettaglio le ricadute in ogni singolo stabilimento e area del piano industriale di Arcelor-Mittal.

Nulla di tutto ciò. Dietro a giustificazioni di carattere legale e industriale, la multinazionale non ha sostanzialmente fornito elementi tali da rendere possibile un giudizio compiuto sulle reali intenzioni e  prospettive degli stabilimenti italiani e sui livelli occupazionali.  Il tavolo si trascina stancamente senza entrare mai nei nidi di fondo della vertenza.


Per queste ragioni abbiamo come USB deciso di non accettare questa finzione e abbiamo deciso di  dichiarare  le condizioni minime per le quali è possibile avviare il negoziato:

 

  • zero esuberi, Arcelor-Mittal deve assumere tutti i 14.200 dipendenti;
  • nessuna esternalizzazione di processo;
  • mantenimento attuali retribuzioni e diritti dei lavoratori;
  • accordo quadro sui lavoratori dell'indotto e degli appalti.

Condizioni ineludibili anche alla luce della giurisprudenza in materia. Domani 1 febbraio si deciderà come proseguire il percorso.



Sergio Bellavita USB nazionale


Francesco Rizzo USB Taranto

 

Leggi anche: Sabato 3 febbraio a Taranto il convegno Usb sul futuro dell'Ilva