AREA STAMPA

Piero Santonastaso

DIpartimento Comunicazione

Tel./Phone:
(+39) 3456712454

Fax:
(+39) 06 54070448

e-mail:
areastampa@usb.it

Roma, via dell'Aeroporto 129

La Asl Rm2 denuncia i lavoratori in lotta invece di risolvere i contratti con chi non paga gli stipendi

Nazionale -

Se un’azienda pubblica non risolve l’appalto con chi da mesi non paga gli stipendi e invece denuncia per interruzione di pubblico servizio i lavoratori in lotta, può essere accusata di istigazione a delinquere?
Sarebbe il caso di farlo con l’Asl Rm2, che per giunta ha chiesto proprio all'appaltatore inadempiente, in pratica colui che ha provocato il “guaio”, di fornire i nomi dei lavoratori da denunciare.
Per  buonsenso e logica un’azienda pubblica dovrebbe in questi casi annullare immediatamente il contratto di appalto. Nella realtà questo non accade: burocrazia e norme non chiare fanno sì che passino mesi o anni per risolvere un contratto di appalto.
Come USB lo abbiamo denunciato da tempo a tutte le Istituzioni interessate: ministeri della Salute e del Lavoro, Prefettura, Regione e ASL. Nessuno degli interpellati risponde, passano mesi ed anni con  ricorsi e controricorsi a TAR e Consiglio di Stato. Nel frattempo i lavoratori sono costretti a subire ritardi abnormi dei già miseri stipendi, che in virtù della “surroga”, vengono pagati al 70% delle somme spettanti.
Nei giorni scorsi la ASL Rm2 ha denunciato decine di lavoratori dipendenti della MA.CA srl affidataria del servizio di sanificazione e pulizia dell'Ospedale Pertini e diversi presidi territoriali per aver, dopo oltre un anno di vertenza, di lotta, scioperi, presidi e denunce pubbliche, “interrotto il servizio pubblico”. Chiedendo inoltre proprio a MA.CA. srl i nomi dei lavoratori in lotta.
Istituzioni, Regione, Prefettura, la stessa ASL Rm2 erano perfettamente a conoscenza che MA.CA srl da oltre un anno non pagava gli stipendi.
Come USB difenderemo i lavoratori e continueremo a denunciare la piaga degli appalti e delle burocrazie pubbliche, che anziché predisporre un piano certo per la reinternalizzazione dei servizi e dei lavoratori, prendono tempo con la scusa di corsi e  ricorsi  delle aziende appltanti anche di fronte alla manifesta interruzione del servizio da parte delle stesse.
La repressione delle lotte dei lavoratori non funziona! USB sta con i lavoratori della ASL Rm2 e dello Spallanzani, denunciati gli uni, sospesi gli altri, sebbene portatori di ragioni inoppugnabili a salvaguardia dei propri diritti e del diritto alla salute per tutti.
Lavorare senza retribuzione è schiavitù!
 
USB Lavoro Privato