AREA STAMPA

Piero Santonastaso

DIpartimento Comunicazione

Tel./Phone:
(+39) 3456712454

Fax:
(+39) 06 54070448

e-mail:
areastampa@usb.it

Roma, via dell'Aeroporto 129

Amianto nel Ponte Morandi: busta 1, 2 o 3?

Nazionale -

Con la demolizione del Ponte Morandi di Genova sembra di essere tornati ai tempi del “Lascia o raddoppia?” di Mike Bongiorno, quando il concorrente era chiamato a scegliere fra 3 buste sigillate: “La uno, la due o la trè?”
Nel caso del viadotto di Genova, che a detta di Toninelli sarebbe tornato operativo già tre mesi dal crollo, oggi ci troviamo dinanzi a un "nuovo" rilevamento di amianto e alla conseguente delicata scelta da prendere.


Usiamo il termine “nuovo” perché già da tempo i vigili del fuoco dell’Unione Sindacale di Base avevano segnalato la presenza di questo materiale tra le macerie.


Oggi come allora, le istituzioni giocano però a ridimensionare la presenza dell’amianto.


Per questo motivo Bucci, sindaco del capoluogo ligure e commissario per la ricostruzione del Ponte Morandi, comunica al mondo che se amianto sarà, esistono ben tre piani per poter proseguire nella demolizione.


Piano A: non c'è amianto, si fa un bel botto e via.


Piano B: c'è un po’ di amianto, si fa un bel botto e via.


Piano C: di amianto ce n’è tanto, non si fa un bel botto ma saranno i pompieri a toglierlo con i denti, senza fare rumore.


Insomma, comunque vada sarà un successo per il governo del fare, che in questo caso il "botto" può dirlo di averlo progettato e realizzato.


Nel frattempo registriamo il silenzio dei soliti colpevoli che del Morandi, dei vigili del fuoco ma soprattutto degli abitanti della vallata sottostante se ne fregano.



Coordinamento Vigili del Fuoco USB