AREA STAMPA

Piero Santonastaso

DIpartimento Comunicazione

Tel./Phone:
(+39) 3456712454

Fax:
(+39) 06 54070448

e-mail:
areastampa@usb.it

Roma, via dell'Aeroporto 129

31 MARZO OCCUPYAMO PIAZZA AFFARI. MANIFESTAZIONE NAZIONALE CONTRO MONTI E IL GOVERNO DELLA BCE

Milano – corteo da Piazza Medaglie d'Oro a Piazza Affari, ore 14.00

Roma -

Sabato 31 marzo si terrà a Milano la manifestazione nazionale OCCUPYAMO PIAZZA AFFARI, indetta da USB, dal Comitato NO Debito e da tantissime altre sigle, organizzazioni, partiti e realtà che operano nel sociale, unite attorno al forte dissenso che si sta coagulando tra i lavoratori e in tutto il Paese verso il ‘modello Monti’, il governo della BCE-FMI, le loro politiche di massacro sociale che dopo aver messo in ginocchio Grecia e Portogallo stanno colpendo duramente anche il nostro Paese.

 

Il corteo partirà alle ore 14.00 da Piazza Medaglie d'Oro (Porta Romana) e percorrerà corso di Porta Romana, via Santa Sofia, via Mulino delle Armi, via De Amicis, via Cesare Correnti, via Torino, via Orefici, piazza Cordusio, via Negri, per concludersi a piazza Affari, luogo simbolo della finanza internazionale.

 

L'attacco ai diritti ed alle condizioni dei lavoratori europei, attuato sui diktat della troika,  aumenta lo squilibrio tra ricchi e poveri continuando a trasferire, come avviene ormai almeno da venticinque anni, soldi dalle tasche di chi lavora a quelle delle banche, dei padroni, dei grandi speculatori e  dei gruppi finanziari.

L’ultimo capitolo di questo attacco cancella gli ammortizzatori sociali, manomette, per farla scomparire, la normativa che fino ad oggi ha tutelato i lavoratori dai licenziamenti discriminatori ed illegittimi, consolida la precarietà, nel nostro ordinamento e nelle nostre vite, dando alle imprese il completo dominio sul lavoro.

 

Contro la precarietà e per cancellare le leggi Treu e 30; contro l’attacco al diritto di sciopero, contro i licenziamenti e per estendere a tutti e a tutte reddito e tutele, l’USB chiama in piazza a Milano tutti i lavoratori e le lavoratrici, i disoccupati, i precari, i pensionati, i migranti, per rispondere col conflitto all’arroganza del governo Monti.

Questo sito usa i cookie

Questo sito usa cookie tecnici e cookie per effettuare statistiche sulla navigazione. Procedendo nella navigazione accetti implicitamente l'uso dei cookie. In alternativa puoi selezionare una delle opzioni qui sotto. I cookie tecnici saranno utilizzati in ogni caso.