AREA STAMPA

Piero Santonastaso

DIpartimento Comunicazione

Tel./Phone:
(+39) 3456712454

Fax:
(+39) 06 54070448

e-mail:
areastampa@usb.it

Roma, via dell'Aeroporto 129

Argomento:

Ferrovieri, siglata bozza di accordo per rinnovo economico. USB: al referendum votare NO

Nazionale -

Sindacato: “associazione di lavoratori costituita per la tutela degli interessi collettivi”. Così recita un famoso dizionario della lingua italiana. Un sindacato deve intercettare e organizzare i bisogni egli interessi dei lavoratori e contrapporli a quelli del datore di lavoro. All'interesse e al profitto deve essere opposto il diritto a una vita lavorativa che sia vita; verso lo sfruttamento sistematico delle cosiddette risorse umane deve essere creata una trincea per la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori. Ci si aspetta questo, storicamente, da un sindacato; che tuteli in forma collettiva i diritti egli interessi di ogni persona lavoratrice.

Invece: è di ieri la notizia della sigla di una bozza di accordo economico per il rinnovo del contratto della Mobilità e del Gruppo FSI, contratti scaduti nel 2018; pochi soldi, facilmente aggredibili dalla crisi che incomberà, e un ennesimo incremento delle politiche di smantellamento dello stato sociale, come le passate generazioni hanno conosciuto, attraverso il trasferimento di risorse finanziarie al cosiddetto welfare aziendale e alla pensione integrativa; sulla parte normativa nessuna notizia.

Non è questo che serve ai ferrovieri.

Non è questo che i ferrovieri hanno reclamato nelle ultime occasioni in cui è stato loro concesso di poter esprimere il dissenso di chi da una vita è costretto in turni e prestazioni di lavoro che nuocciono gravemente alla salute, e che stanno pagando sulla propria pelle anche il sovraccosto della crescente insicurezza sul lavoro di feroci riorganizzazioni aziendali. 

 

Eppure il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane è destinatario della maggior parte delle risorse finanziarie del c.d. PNRR governativo, quello che stanzierà solo per RFI circa 30 miliardi di Euro nei prossimi cinque anni, e da anni il parlamento italiano sta discutendo della necessità di attribuire ai ferrovieri le tutele previste per i lavori usuranti: la sigla di questo accordo mette un macigno sulla strada delle aspettative di difesa e miglioramento delle condizioni di lavoro e di vita di circa 80.000 lavoratori del Gruppo FSI, mentre il blocco managerial-imprenditoriale del paese detta le regole per l’incasso dei profitti e per il futuro assetto al ribasso dei contratti di lavoro.

Ai ferrovieri serve un altro sindacato.  

     Riduzione dell’orario di lavoro settimanale a 35 ore massime 

·       Riconoscimento trattamenti per lavoro usurante 

·       Aumento del 20% dei minimi tabellari stipendiali 

·       Adozione di pari trattamento (alle migliori condizioni) tra lavoratori stabili e apprendisti 

·       Assunzione immediata di 10.000 addetti alla manutenzione infrastrutture di RFI e altrettanti nei comparti operativi di RFI stessa e Trenitalia

AL REFERENDUM VOTATE NO!

Unione Sindacale di Base - Lavoro Privato - Attività Ferroviarie

Roma 23 marzo 2022

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati