AREA STAMPA

Piero Santonastaso

DIpartimento Comunicazione

Tel./Phone:
(+39) 3456712454

Fax:
(+39) 06 54070448

e-mail:
areastampa@usb.it

Roma, via dell'Aeroporto 129

ISPRA: LA LOTTA PAGA E NON SI FERMA

I LAVORATORI SCENDONO DAL TETTO E INDICONO UNA CONFERENZA STAMPA PER ILLUSTRARE LE LORO VALUTAZIONI SULL’ACCORDO E LE PROSSIME MOBILITAZIONI

Venerdì 22 gennaio, Roma, presso la Federazione Nazionale RdB - Via dell’Aeroporto 129 – ore 12.00

Roma -

La lotta paga e non si ferma: questo in sintesi il risultato dell’assemblea dei lavoratori dell’ISPRA organizzata questa mattina dall’Usi/RdB per discutere l’accordo siglato nella tarda serata di ieri con il Ministero dell’Ambiente.

I lavoratori sono scesi dal tetto, dove hanno dovuto trascorrere quasi due mesi, ed hanno indetto per domani, venerdì 22 gennaio, una conferenza stampa presso la Federazione Nazionale RdB in cui illustreranno le loro valutazioni ed annunceranno le prossime tappe della battaglia in difesa della Ricerca Pubblica.

Riferisce Michela Mannozzi dell’Usi RdB, portavoce della lotta sul tetto: “L’assemblea ha dato un giudizio positivo sull’intesa, con cui abbiamo fatto un passo importante per bloccare il processo di smantellamento dell’ente che passava attraverso il licenziamento dei lavoratori precari. Ora i 230 precari in scadenza fra il 31 dicembre il 31 marzo sono tutti rinnovati e si è aperta una finestra per poter recuperare quelli già licenziati”.

“Inoltre – sottolinea Mannozzi - abbiamo posto delle basi per una prospettiva futura. Il patrimonio di professionalità rimane dentro l’ente, a disposizione chi verrà a guidarlo. Abbiamo impedito che i commissari facessero scelte strategiche per le quali non erano competenti e confidiamo che la futura dirigenza venga dal mondo scientifico ed abbia preparazione adeguata per valutare ricercatori che hanno competenze riconosciute all’estero”.

“L’accordo - aggiunge la portavoce – verrà comunque qualificato nella sua applicazione. Il Ministro Prestigiacomo sarà garante del percorso che si è aperto con la firma del protocollo. Noi intanto manteniamo lo stato di agitazione del personale, e riteniamo di esercitare un ruolo fondamentale nell’applicazione e nell’interpretazione del protocollo. Domani – conclude Mannozzi - annunceremo i prossimi passi della battaglia”.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni