AREA STAMPA

Piero Santonastaso

DIpartimento Comunicazione

Tel./Phone:
(+39) 3456712454

Fax:
(+39) 06 54070448

e-mail:
areastampa@usb.it

Roma, via dell'Aeroporto 129

LETTERA UE: USB PUBBLICO IMPIEGO, UN ATTACCO SENZA PRECEDENTI ALLA P.A. ED AI LAVORATORI PUBBLICI

8 Novembre giornata di mobilitazione nazionale. Poi Sciopero Generale

Roma -

“L’attacco alla Pubblica Amministrazione ed ai Lavoratori pubblici è senza precedenti”, così Massimo Betti, dell’Esecutivo nazionale USB, commenta la lettera d’intenti presentata a Bruxelles dal Governo italiano.

 

“Se questo piano troverà traduzione pratica, vorrà dire che centinaia di migliaia di posti di lavoro scompariranno – prosegue Betti - che i lavoratori verranno obbligati al trasferimento coatto da amministrazione ad amministrazione, da città a città, da regione a regione. Attraverso  l’applicazione totale della legge Brunetta, al 75% dei dipendenti superstiti saranno tagliati gli stipendi, con la decurtazione del salario accessorio che verrà devoluto al 25% di ‘fedelissimi’ del governo”.

 

Evidenzia il dirigente USB: “Le annunciate privatizzazioni colpiranno ulteriormente i lavoratori pubblici, i quali, oltre a vedersi sottratti i beni comuni in qualità di cittadini, diverranno dipendenti di società private, con conseguente peggioramento delle condizioni contrattuali e salariali.

E denuncia: “La responsabilità di questo sfascio, a cui l’Unione Sindacale di Base si opporrà con tutte le  sue forze, è della UE, del Governo nazionale e di tutti quei governi locali, di centro-destra come di centro-sinistra, che non si sono mai sottratti ai processi di privatizzazione e di smantellamento del welfare e dei beni comuni”.

 

Conclude Betti: “Il Coordinamento nazionale USB Pubblico Impiego nella giornata di ieri ha deciso di proseguire nel percorso di lotta, avviato con lo sciopero generale del 6 settembre scorso e proseguito con numerose iniziative, fra cui l’occupazione della rappresentanza in Italia della Commissione Europea. Ha pertanto indetto per il prossimo 8 novembre una giornata nazionale di mobilitazione di tutti i pubblici dipendenti, ritenendo comunque necessaria una forte risposta, lo sciopero generale di tutto il mondo del lavoro”.

Questo sito usa i cookie

Questo sito usa cookie tecnici e cookie per effettuare statistiche sulla navigazione. Procedendo nella navigazione accetti implicitamente l'uso dei cookie. In alternativa puoi selezionare una delle opzioni qui sotto. I cookie tecnici saranno utilizzati in ogni caso.