AREA STAMPA

Piero Santonastaso

DIpartimento Comunicazione

Tel./Phone:
(+39) 3456712454

Fax:
(+39) 06 54070448

e-mail:
areastampa@usb.it

Roma, via dell'Aeroporto 129

Operai “stabili” e precari della Piaggio producono come non mai e pagano lo stesso le conseguenze della crisi: 8 ore di sciopero venerdì 30 ottobre e giovedì 5 novembre

Pontedera -

Nell’ambito del pacchetto di 8 ore di sciopero proclamate a livello nazionale dall’Unione sindacale di Base, la RSU USB Piaggio dichiara 4 ore di sciopero a fine turno per venerdì 30 ottobre e 4 ore a fine turno per giovedì 5 novembre

 

Perché la storia si ripete. Come nel dopoguerra, la classe operaia si sta impegnando tantissimo nella produzione, per contribuire materialmente a contrastare la crisi determinata dalla pandemia.

 

In questi giorni capi e capetti della Piaggio si stanno facendo i complimenti per i risultati eccellenti raggiunti nello stabilimento di Pontedera a settembre. Risultati che non si raggiungevano dal 2010. Ma grazie a chi? Chi ha messo impegno, dedizione, passione e attenzione nel lavoro di produzione, nonostante tutte le criticità che abbiamo e stiamo continuando ad attraversare a causa della pandemia? Gli operai, quelli stabili, i ptv e i ct.

 

Questi ultimi anche quest’anno usciranno dalla produzione senza alcuna garanzia né contrattuale, tantomeno salariale. I ptv senza avere finalmente un contratto a 12 mesi, i ct verranno espulsi, dopo aver dato tanto, per essere sostituiti da altri precari. La ricattabilità a cui sono sottoposti questi lavoratori precari è insopportabile.

 

Nessuna certezza su un percorso di stabilizzazione, in una azienda che ogni anno riceve milioni di euro dallo Stato sotto forma di ammortizzatori e sociali e altri milioni dall’Unione Europea per futuri investimenti. Soldi che vengono dalle tasche dei contribuenti, di chi paga le tasse nel nostro paese, all’87% lavoratori dipendenti. Con i nostri soldi i padroni fanno politiche industriali improntate alla precarietà e al supersfruttamento.

 

La Piaggio viaggia a vele spiegate, ma gli utili li vedono solo gli azionisti, senza alcuna prospettiva di stabilizzazione dei precari, tantomeno l’ipotesi di un premio economico per tutti gli operai alla luce dei risultati ottenuti. I “capetti” si fanno belli dei nostri risultati dimenticando intenzionalmente l’unico valore aggiunto che determina questi picchi produttivi e di sistema: la forza lavoro!

 

Torniamo a pretendere i nostri diritti, che otterremo solo con la lotta!

La RSU USB Piaggio dichiara 4 ore di sciopero a fine turno per venerdì 30 ottobre e 4 ore a fine turno per giovedì 5 novembre.

 

Pontedera 28-10-2020

 

Unione Sindacale di Base – Federazione Toscana

RSU USB Piaggio

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati