AREA STAMPA

Piero Santonastaso

DIpartimento Comunicazione

Tel./Phone:
(+39) 3456712454

Fax:
(+39) 06 54070448

e-mail:
areastampa@usb.it

Roma, via dell'Aeroporto 129

P.A: OGGI A ROMA COMBATTIVA E AFFOLLATA ASSEMBLEA NAZIONALE DI DELEGATI ED ELETTI RSU

Rilancia la lotta contro protocollo e riforma del mercato lavoro

Roma -

Posti in piedi e clima di forte partecipazione al cinema Farnese di Roma, dove questa mattina è in corso l’Assemblea Nazionale dei delegati e degli eletti RSU del settore pubblico “ASSUMIAMO I DIRITTI, LICENZIAMO IL GOVERNO”, indetta da USB Pubblico Impiego

 

In centinaia da tutta Italia hanno raccolto l’appuntamento, dando vita ad un confronto attento e serratissimo sui temi della riforma del lavoro nella Pubblica Amministrazione, contenuta nel protocollo del 3 maggio scorso che è stato firmato da Governo, Regioni, autonomie locali e sindacati concertativi.

Tanti gli interventi, accomunati da una lucida percezione delle conseguenze sulla P.A. della cosiddetta spending review, i tagli alla spesa che andranno a colpire i salari dei dipendenti ed i servizi pubblici; ma anche dalla rabbia per il perseguimento di politiche che, in continuità con i governi precedenti, ancora una volta intervengono sul settore pubblico esclusivamente come costo da ridurre.

 

Particolarmente sentito il tema dei licenziamenti per motivi economici, che la riforma Monti-Fornero del mercato del Lavoro introdurrà nel Pubblico Impiego, già gravato dalle  pesanti norme  delle precedenti manovre estive in cui si consentono mobilità e licenziamenti.

 

Contestualmente all’assemblea, USB P.I. ha dato il via ad una petizione, che ha già raccolto circa 500 firme, contro i fondi pensione per i pubblici dipendenti (Sirio Espero e Perseo) e per rivendicare il diritto ad una pensione dignitosa, non soggetta all’andamento dei mercati finanziari ed alla speculazione di banche e assicurazioni.

 

Ma la giornata di oggi non rappresenta solo un momento di confronto: l’assemblea dei delegati e degli eletti RSU ha deciso proseguire i lavori direttamente sotto al ministero della Funzione Pubblica, per andare a dire forte e chiaro a Patroni Griffi che la P.A. non si vende.

Questo sito usa i cookie

Questo sito usa cookie tecnici e cookie per effettuare statistiche sulla navigazione. Procedendo nella navigazione accetti implicitamente l'uso dei cookie. In alternativa puoi selezionare una delle opzioni qui sotto. I cookie tecnici saranno utilizzati in ogni caso.