AREA STAMPA

Piero Santonastaso

DIpartimento Comunicazione

Tel./Phone:
(+39) 3456712454

Fax:
(+39) 06 54070448

e-mail:
areastampa@usb.it

Roma, via dell'Aeroporto 129

PROTEZIONE CIVILE: BERLUSCONI EVIDENZIA L'ESSENZA DI UN SISTEMA FUNZIONALE AD INTERESSI DETERMINATI. VIGILI DEL FUOCO IN SCIOPERO IL 14 GIUGNO

Roma -

“Le ultime dichiarazioni del Presidente del Consiglio sulla Protezione Civile in Abruzzo evidenziano in modo inequivocabile l’essenza di un sistema che, invece di funzionare per la popolazione, è solo funzionale a determinate persone ed interessi”, commenta Antonio Jiritano, dell’Esecutivo nazionale RdB-USB Pubblico Impiego.

 

“E’ ormai chiaro, non più solo alla magistratura ma alla maggioranza dei cittadini italiani, che la Protezione Civile, per come è stata stravolta negli ultimi anni, serve principalmente come carta di credito del governo: quando c’è necessità di indirizzare denaro senza controllo ecco pronte le ordinanze per la Protezione Civile. Invece - denuncia il dirigente RdB-USB - i Vigili del Fuoco sono costretti a raddoppi delle turnazioni e straordinari per garantire da tutta Italia la presenza in Abruzzo, ma al Corpo Nazionale vengono persino sottratti i fondi precedentemente stanziati dal ´decreto Abruzzo` per utilizzarli nell’assunzione di 178 dipendenti in Protezione civile”.

 

“Le contraddizioni più forti – sottolinea Jiritano -  emergono dall’ultima manovra  economica: i Vigili del Fuoco pagano in termini di tagli generalizzati per il soccorso e per i lavoratori, mentre l’unico ente a cui non viene tolto nulla è proprio la Protezione Civile. Così chi fa soccorso viene ridimensionato e chi si occupa di grandi eventi viene premiato!”.

 

“Forse la minaccia di lasciare l’Aquila – ipotizza Jiritano - fornisce l’occasione per scappare da quella zona distrutta, dove la ricostruzione tarda a venire e gli appalti cominciano ´puzzare di bruciato`. Per quanto ci riguarda, i Vigili del Fuoco continueranno, con indosso le loro divise, a svolgere il servizio sociale che hanno fin qui svolto in Abruzzo, perché il soccorso non è un privilegio da concedere ma un diritto delle popolazioni, e manifesteranno il proprio sdegno e l’opposizione alla manovra scioperando il 14 giugno con tutto il Pubblico Impiego”, conclude il dirigente RdB-USB P.I..

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni