AREA STAMPA

Piero Santonastaso

DIpartimento Comunicazione

Tel./Phone:
(+39) 3456712454

Fax:
(+39) 06 54070448

e-mail:
areastampa@usb.it

Roma, via dell'Aeroporto 129

ROMA CAPITALE: EDUCATRICI E MAESTRE PRECARIE PROTESTANO SUI PONTEGGI IN PIAZZA MADONNA DI LORETO

Roma -

 

COMUNICATO STAMPA

 

Un gruppo di precarie dei nidi e delle scuole dell’infanzia del Comune di Roma si è arrampicato sulle impalcature in piazza Madonna di Loreto, nei pressi del Campidoglio,  per protestare contro la condizione lavorativa che stanno vivendo ormai da troppi anni.


Nella giornata mondiale dei diritti e della dignità delle donne, le lavoratrici, sostenute dall’USB, intendono così denunciare l’attacco su tutti i fronti alle loro esistenze precarie: da un lato il limite della reiterazione dei contratti oltre i 36 mesi, che scadrà a giugno; dall’altro le politiche di cessione dei nidi ai privati e delle scuole allo stato contenute nel DUP presentato dal Commissario Tronca;  da ultimo, il nuovo modello organizzativo dei nidi e delle scuole comunali, che impone un aumento dei carichi di lavoro e della flessibilità oraria del personale di ruolo per poter coprire le assenze e quindi limitare al massimo il ricorso al personale supplente.


Tutto ciò sta rendendo impossibile mantenere alti i livelli di qualità di questi servizi e sta esasperando le lavoratrici e l’utenza.


L’USB chiede che il Governo, la Regione  Lazio e Roma Capitale si impegnino innanzi tutto a garantire la continuità lavorativa del precariato, attraverso una deroga alla reiterazione dei contratti oltre i 36 mesi, e ad attivare percorsi che garantiscano l’assunzione di tutte coloro che sono inserite nelle graduatorie pubbliche per assunzione e per supplenze.


L’USB invita tutte le lavoratrici, i genitori, le realtà sociali e sindacali a portare sostegno alla lotta di educatrici e maestre e chiede alle forze politiche di collaborare per garantire stabilità a tutti i precari della pubblica amministrazione, a partire dalle educatrici dei nidi e delle scuole dell’infanzia della capitale, patrimonio da salvaguardare e non da dismettere.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni