AREA STAMPA

Piero Santonastaso

DIpartimento Comunicazione

Tel./Phone:
(+39) 3456712454

Fax:
(+39) 06 54070448

e-mail:
areastampa@usb.it

Roma, via dell'Aeroporto 129

Argomento:

SANITÀ: 17 LUGLIO USB DI NUOVO IN PIAZZA CONTRO LA SPENDING REVIEW CHE TAGLIA I SERVIZI E LICENZIA I LAVORATORI

Iniziative di protesta in tutta Italia. A Roma sotto il Ministero della Salute, Lungotevere Ripa 1 - ore 9.00

Roma -

Martedì 17 luglio l’USB Pubblico Impiego indice una giornata nazionale di protesta contro i tagli alla spesa sanitaria e per la difesa della sanità pubblica. Insieme alle numerose iniziative territoriali che coinvolgeranno le maggiori città italiane, l’USB sarà in piazza anche a Roma, presso la sede del Ministero della Salute, in Lungotevere Ripa, dalle ore 9.00.

 

“Nonostante l’Italia sia uno dei paesi con la spesa sanitaria complessiva e pro capite sotto la media europea, e ben al di sotto di quella di Gran Bretagna, Francia e Germania, dal 2000 ad oggi sono già stati tagliati 45.000 posti letto, ai quali vanno aggiunti i circa 20.000 che il governo dei ‘tecnici’ si appresta a tagliare entro il 2013”,  denuncia Licia Pera, dell’Esecutivo nazionale USB Pubblico Impiego.

 

“Il risultato di questi tagli – prosegue Licia Pera -  è drammaticamente sperimentato ogni giorno da milioni di cittadini, che trovano i Pronto Soccorso affollati e liste d’attesa interminabili perfino per una visita ambulatoriale. La spending review non è altro che l’ennesima sforbiciata alla spesa sanitaria, che si tradurrà in ulteriori  tagli al servizio sanitario pubblico e al diritto alla salute”.

 

Rileva la dirigente USB: “Il governo Monti e i partiti che lo sostengono tuttavia si guardano bene dal toccare i veri sprechi, che si annidano nel sistema di appalti, esternalizzazioni, consulenze, accreditamenti ai privati e stipendi d’oro dei dirigenti. E  mentre attraverso la sanità, che vale l’80% dei bilanci regionali, la politica continua a garantirsi consensi in cambio di clientele, le spese dei ultimi tagli saranno pagate dai cittadini, un esercito di oltre 9 milioni di italiani che dall’inizio della crisi non può più accedere alle cure pubbliche”.

 

“Alla fine di questa ennesima manovra fatta di tagli lineari - conclude Licia Pera - avremo meno servizio sanitario pubblico e più privato; più precari e disoccupati e meno infermieri, meno medici e operatori sanitari. Per questo martedì 17 luglio, nel quadro delle iniziative di mobilitazione che da tempo USB ha avviato proprio contro la spending review, sarà una giornata nazionale di protesta”.

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati