AREA STAMPA

Piero Santonastaso

DIpartimento Comunicazione

Tel./Phone:
(+39) 3456712454

Fax:
(+39) 06 54070448

e-mail:
areastampa@usb.it

Roma, via dell'Aeroporto 129

SCUOLA: USB, NEL MILLEPROROGHE L'ENNESIMA BEFFA AI PRECARI

Unica soluzione ritiro di tutti i tagli ed immissione in ruolo per tutti i precari

Roma -

Alla sentenza della Corte Costituzionale, cha ha bocciato le ‘code’ in graduatoria del ministro Gelmini, la maggioranza, attraverso un emendamento della Lega approvato in commissione Bilancio, risponde col congelamento delle graduatorie inserito nel decreto “mille proroghe” oggi al voto del Senato.

 

In questo modo i precari che per due anni hanno subito l’umiliazione professionale di accettare qualunque supplenza, che si sono trovati costretti a lavorare in scuole private fantasma senza percepire un centesimo, pur di guadagnare i famosi 12 punti del servizio, si trovano oggi, con le graduatorie congelate, a non potere utilizzare quei punti guadagnati al prezzo di pesanti sacrifici.

Inoltre, anche per le supplenze brevi, ai precari non sarà possibile andare a cercare lavoro in una provincia differente da quella in cui erano inseriti in graduatoria ad esaurimento, perdendo così anche l’ultima occasione di cumulare punti ed inseguire il miraggio di un contratto a tempo indeterminato.

 

Commenta Alessandro Piccolo, della USB Scuola: “L’accanimento antimeridionale di stampo leghista che traspare da queste ultime mosse della maggioranza, incapace addirittura di una linea condivisa su scuole aperte o chiuse nel 150° anniversario dell’unità d’Italia, la dice lunga sulle capacità di questo esecutivo a risolvere i problemi reali della scuola”.

 

“Per la scuola – prosegue il rappresentante USB – esiste un’unica soluzione: il  ritiro di tutti i tagli passati e futuri e l’immissione in ruolo per tutti i lavoratori inseriti nelle graduatorie provinciali. Solo in questo modo si può porre concretamente fine alle ingiustizie sulla pelle dei precari e contenere il danno erariale derivante dalla sentenza della Consulta, con la conseguente infinita sequenza di ricorsi incrociati causati dall’incompetenza conclamata dei vertici del ministero. Ma non sarà – conclude Piccolo – che il criterio di merito con cui questi vertici vengono selezionati è basato sulla loro capacità di distruzione del pubblico per far ingrassare il privato?”.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni