AREA STAMPA

Piero Santonastaso

DIpartimento Comunicazione

Tel./Phone:
(+39) 3456712454

Fax:
(+39) 06 54070448

e-mail:
areastampa@usb.it

Roma, via dell'Aeroporto 129

STABILIZZARE IL SAPERE PER SALVARE IL FUTURO

Roma, martedì 16 dicembre

Istituto Superiore di Sanità, viale Regina Elena 229 - ore 10.00

Roma -

Martedì 16 dicembre RdB-CUB P.I., Usi-RdB Ricerca e CUB Scuola hanno indetto presso l’Istituto Superiore di Sanità l’assemblea nazionale dei lavoratori precari di Scuola, Ricerca e Università per chiedere il rilancio di questi settori a partire dalla stabilizzazioni di tutti i precari.

 

Nel corso dell’assemblea, a cui è attesa la partecipazione di centinaia di delegati e lavoratori, interverranno il Senatore Pancho Pardi e l’Onorevole Leoluca Orlando. Verrà inoltre illustrata la proposta di legge elaborata dalla RdB-CUB mirata a riformare l’organizzazione del lavoro e dei metodi di reclutamento del sistema ricerca, partendo dalla valorizzazione del patrimonio di professionalità che già lavora negli Enti.

 

“Pensiamo che in questo momento Scuola Università ed Enti di Ricerca rappresentino il fronte avanzato della lotta contro la precarietà, non solo perché sotto attacco da parte del Governo, ma anche a causa delle trasformazioni che hanno costretto il lavoro intellettuale alla precarietà a vita”, spiega Cristiano Fiorentini della Direzione nazionale RdB-CUB P.I.

 

 “Di fronte ad una crisi economica grave come quella in corso – prosegue Fiorentini - il paese che decide di tagliare sui settori della Formazione e della Ricerca è senza futuro. Anche per questo Scuola, Università ed Enti di Ricerca non devono essere regalati ai privati, ma vanno invece rafforzati attraverso appositi investimenti pubblici e va data stabilità a tutti i precari che in questi settori rappresentano gran parte della forza lavoro. Il 16 dicembre sarà un importante momento di confronto e di discussione collettiva per analizzare questi temi, per rilanciare le lotte e costruire una prossima grande mobilitazione nazionale di tutti i precari del Pubblico Impiego”, conclude il dirigente sindacale.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni