AREA STAMPA

Piero Santonastaso

DIpartimento Comunicazione

Tel./Phone:
(+39) 3456712454

Fax:
(+39) 06 54070448

e-mail:
areastampa@usb.it

Roma, via dell'Aeroporto 129

TERREMOTO CENTRO ITALIA: USB VVF SCRIVE A ERRANI, PER RICOSTRUZIONE NON SI RIPARTA DA ZERO

Roma -

COMUNICATO STAMPA

 

La USB Vigili del Fuoco ha scritto al neo Commissario per la ricostruzione, Vasco Errani.
Nella lettera si sottolinea la fondamentale funzione del Corpo Nazionale VVF anche nella fase della ricostruzione, ricordando la professionalità dei lavoratori del Corpo Nazionale di cui la stessa USB fa un vanto nazionale e della quale sono stati dati ampi riconoscimenti anche a livello internazionale.

La nota diretta al Commissario evidenzia la assoluta necessità dell'apertura di un confronto profondo,  proprio per non ripartire da zero e non riproporre e ripercorrere schemi utilizzati nel passato che si sono dimostrati fallimentari.


L’USB ha elaborato da tempo un corposo documento, divenuto poi una proposta di disegno di legge già depositata alla Camera dei Deputati, dove spiega le necessità di una Protezione Civile adeguata alle necessità del nostro Paese, nella quale il Corpo Nazionale sia il cardine non solo nella fase di primo soccorso, ma anche nella fase successiva e soprattutto nella prevenzione.

 

Nella lettera l’USB VVF ha infine sottolineato la necessità della costruzione di una Task Force, che preveda la presenza di rappresentanti del Corpo Nazionale VVF e delle sue organizzazioni sindacali, affinché vengano  tutelati condizioni operative dei  vigili del fuoco; la presenza di una rappresentanza degli Ordini di Geologi, Ingegneri, Architetti; una rappresentanza dell'Ispra, del Ministero dell'Ambiente e delle Infrastrutture e Trasporti, oltreché rappresentanze delle Autonomie Locali.

Secondo l’USB VVF, di grandi nomi di architetti, ingegneri od altri ancora non si ha necessità:
solo partendo con il piede giusto e non da zero si potrà dare una svolta decisiva avviando un mutamento concreto. Un mutamento che ha però bisogno di un confronto serio, serrato, protratto nel tempo e risolutivo, per dare gambe al progetto di prevenzione nel nostro Paese.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni