AREA STAMPA

Piero Santonastaso

DIpartimento Comunicazione

Tel./Phone:
(+39) 3456712454

Fax:
(+39) 06 54070448

e-mail:
areastampa@usb.it

Roma, via dell'Aeroporto 129

TERREMOTO: SOLIDARIETà USB ALLE POPOLAZIONI COLPITE

Le Federazioni impegnate nel reperimento alloggi. Aperto conto corrente

 

 

Roma -

COMUNICATO STAMPA

 

Le zone colpite dal terremoto di questi giorni sono da sempre riconosciute come ad alto rischio sismico. Meno risaputa è invece la storia delle tante battaglie sociali e sindacali che sono state condotte in quei territori, come nella Comunità Montana del Velino e nelle aree dei Comuni di Amatrice, Poste, Borbona, Accumoli, affinché venissero assunti lavoratori proprio nella cura dell’ambiente, nella prevenzione e nella protezione di quegli abitati dalle conseguenze di nuovi e drammatici terremoti.

 

La nostra organizzazione, allora RdB, è stata protagonista di importanti battaglie per il sostegno e lo sviluppo di quelle comunità ed oggi possiamo dire, amaramente, che era già tutto maledettamente previsto.

 

Ma al di là della rabbia per l’incuria ed il disinteresse della autorità per la salvaguardia del territorio, oggi l’USB si sente vicina alle tante vittime e alle loro famiglie, anche ed ancor più perché con tanti e tante di loro sono state condivise importanti battaglie sociali.

 

Per questo oggi l’Unione Sindacale di Base chiama tutti i suoi iscritti e simpatizzanti a collaborare e solidarizzare inviando un contributo al conto corrente intestato a: USB CONFEDERAZIONE RIETI  IBAN  IT42B0312714600000000001316, specificando la causale “SOLIDARIETà CON LE POPOLAZIONI TERREMOTATE”.

 

Le Federazioni USB di Rieti ed Ascoli sono inoltre impegnate nel reperimento di alloggi dove poter ospitare lavoratori e famiglie sfollati dal sisma.

 

Nei prossimi giorni, superata la fase più drammatica dei soccorsi, una delegazione dell’USB nazionale, insieme alle federazioni di Rieti e di Ascoli, si recherà nelle zone colpite per incontrare i lavoratori e gli abitanti e valutare assieme le necessità, le possibili ripercussioni occupazionali della tragedia e decidere assieme anche come utilizzare al meglio i fondi raccolti.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni