AREA STAMPA

Piero Santonastaso

DIpartimento Comunicazione

Tel./Phone:
(+39) 3456712454

Fax:
(+39) 06 54070448

e-mail:
areastampa@usb.it

Roma, via dell'Aeroporto 129

TRASPORTI: 18 SETTEMBRE SCIOPERO DI 24 ORE ALL'AEROPORTO MARCO POLO DI VENEZIA

Manifestazione dall’aeroporto alla Torre di Mestre con i lavoratori Montefibre - ore 10.30/13.30

Venezia -

Venerdì 18 ottobre i lavoratori dell’aeroporto Marco Polo di Venezia sciopereranno per l’intera giornata col rispetto delle fasce di garanzia (8.00-10.00 e 16.00-18.00).

 

Lo sciopero è stato indetto dalla RdB Trasporti per riportare al centro della trattativa il riallineamento della retribuzione al costo della vita; una revisione dei profili professionali; la formazione e crescita professionale; l'adeguamento dei mezzi, organici e sicurezza sul lavoro; in difesa del futuro occupazionale.

 

Mentre si fanno sempre più insistenti le voci di una imminente cassa integrazione per i dipendenti della Giacchieri, l’handler ATA, ex SAV, il 25 agosto scorso ha presentato ufficialmente la procedura di mobilità per circa 105 esuberi a livello nazionale, senza fare i numeri aeroporto per aeroporto, e con la pretesa di trattare contestualmente la riorganizzazione del lavoro. Secondo la RdB Trasporti questa pretesa mobilità smaschera palesemente come gli esuberi siano esclusivamente funzionali far passare una riorganizzazione del lavoro tesa a cancellare definitivamente diritti, salari decenti e la dignità dei lavoratori..

Intanto per tutti i lavoratori dell’aeroporto Marco Polo le ferie, i riposi e le soste pasto stanno diventando sempre più una concessione e non un diritto, i turni di lavoro non vengono quasi più concordati e sono sempre meno rispettosi dei periodi di riposo.   

 

In occasione dello sciopero i lavoratori del Marco Polo manifesteranno dalle 10.30 presso l’aeroporto per poi unirsi ai lavoratori della Montefibre che sono in presidio presso la Torre di Mestre: medesima è la rivendicazione dei lavoratori che ancora una volta si vedono proporre la messa in mobilità e mettere a rischio il proprio futuro occupazionale.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni