AREA STAMPA

Piero Santonastaso

DIpartimento Comunicazione

Tel./Phone:
(+39) 3456712454

Fax:
(+39) 06 54070448

e-mail:
areastampa@usb.it

Roma, via dell'Aeroporto 129

UNIVERSITÀ SAPIENZA: USB ROMA, DIETRO GESTO DISPERATO DEL PADRE DI UN LAVORATORE GRAVI ILLEGALITÀ NEGLI APPALTI

Da tempo denunciati a Rettore e Direttore Generale

Roma -

Dietro il gesto disperato compiuto ieri a Roma dal padre di un dipendente della National Service, azienda che gestisce alcuni servizi di portierato e vigilanza all’Università Sapienza, ci sono gravi illegalità negli appalti dell’Ateneo.

 

“Le vessazioni che hanno indotto il padre di un lavoratore a cospargersi di benzina e a salire sul tetto dell’Università, minacciando di buttarsi nel vuoto, non rappresentano un caso isolato”, denuncia Pio Congi, dell’USB di Roma e Lazio. “La National Service, pur con diversi dipendenti in cassa integrazione, costringe i pochi rimasti al lavoro a turni massacranti, straordinari obbligatori, trasferimenti, ed altro ancora”.

 

“Ci amareggia molto constatare - prosegue Congi – che questo trattamento dei lavoratori venga praticato da un’azienda al cui vertice c’è l’ex dirigente CGIL Gilberto Pascucci. Tra l’altro, la National Service dialoga solo con la CGIL e i sindacati confederali, mentre pratica l’ostracismo contro l’USB e i suoi lavoratori iscritti”.

 

“Da mesi abbiamo denunciato al Direttore Generale Musto D’Amore e al Rettore Frati le gravi illegalità compiute dalla società – evidenzia Congi  - e solo recentemente l’Ispettorato del Lavoro, da tempo interessato dall’USB, ha svolto un’indagine di cui si attendono i risultati.  I vertici della Sapienza, invece, tacciono ancora”.

 

Osserva il sindacalista: “Questi episodi dimostrano sempre più la vera natura delle esternalizzazioni e  delle privatizzazioni, cioè rendere i lavoratori precari e ridurli in schiavitù per ricavare  profitti che arricchiscono qualcuno e sono spesso causa di corruzione. L’USB e i lavoratori pretendono da subito il ripristino della legalità e il rispetto della dignità di chi porta avanti delicati servizi pubblici, ma anche un percorso di internalizzazione dei lavoratori, che permetterebbe anche un notevole risparmio di risorse”, conclude Congi.

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati