AREA STAMPA

Piero Santonastaso

DIpartimento Comunicazione

Tel./Phone:
(+39) 3456712454

Fax:
(+39) 06 54070448

e-mail:
areastampa@usb.it

Roma, via dell'Aeroporto 129

USB, GIÙ LE MANI DALL'ACQUA PUBBLICA. 27 GENNAIO SCIOPERO GENERALE IN DIFESA DEI BENI COMUNI

Roma -

L’Unione Sindacale di Base chiama tutti i lavoratori e le lavoratrici, i pensionati, i disoccupati, i migranti, gli studenti, a scioperare e a scendere in piazza a Roma il prossimo 27 gennaio contro il governo Monti e le sue politiche  di liberalizzazione a tutela del grande capitale bancario, finanziario ed economico.

 

Fra le scelte dell’attuale  esecutivo rientra il tentativo di cancellare il netto pronunciamento con cui il 95% dei cittadini italiani ha detto no alla privatizzazione dell’acqua e dei beni comuni attraverso il referendum del giugno scorso, cinicamente definito “un mezzo imbroglio” dal sottosegretario all’Economia Polillo.

 

Tuttavia l’esito referendario non solo ha chiaramente respinto ogni ipotesi di gestione privata dell’acqua, ma ha anche ribadito che dall’acqua non si possa trarre profitto. La cosiddetta “liberalizzazione”, propugnata da Monti e dai suoi Ministri, va invece in senso nettamente contrario ed insulta peraltro l’intelligenza degli italiani riproponendo quella distinzione, già ampiamente smascherata prima del referendum, fra fonti “pubbliche” e distribuzione idrica ai privati.

 

Gli italiani hanno già capito, alcuni direttamente sulla propria pelle, che i profitti sull’acqua si fanno nelle città e nelle campagne dove questa viene distribuita, dove i privati si possono arricchire con l’aumento continuo delle tariffe e la qualità dei servizi sempre più scarsa. Come già sanno che anche in altri settori, come l’energia, i trasporti, i servizi attualmente erogati dal pubblico, i vantaggi delle privatizzazioni saranno a senso unico e non certo per i cittadini/utenti.

 

USB, che è stata parte costituente del comitato referendario “2 Sì all’acqua bene comune”, chiama dunque tutte e tutti allo sciopero generale e generalizzato, indetto insieme alle altre organizzazioni di base e conflittuali,  in difesa della democrazia e della volontà popolare, contro le logiche di privatizzazione dei beni comuni, per contrapporsi con forza a questo governo e all'Europa delle banche e della finanza.

Questo sito usa i cookie

Questo sito usa cookie tecnici e cookie per effettuare statistiche sulla navigazione. Procedendo nella navigazione accetti implicitamente l'uso dei cookie. In alternativa puoi selezionare una delle opzioni qui sotto. I cookie tecnici saranno utilizzati in ogni caso.