AREA STAMPA

Piero Santonastaso

DIpartimento Comunicazione

Tel./Phone:
(+39) 3456712454

Fax:
(+39) 06 54070448

e-mail:
areastampa@usb.it

Roma, via dell'Aeroporto 129

Mediaworld prima dichiara decine di esuberi poi apre nuovi centri vendita a Roma, alla faccia dei diritti dei lavoratori

Roma -

Mediaworld ha usufruito per tre anni degli ammortizzatori sociali, dopo aver dichiarato decine di esuberi nel personale dei suoi punti vendita. Gli ammortizzatori sociali vengono usati dalle aziende quando c’è da risanare una crisi, ma i dati della crisi dichiarata non sono mai stati messi a disposizione.

 

Negli ultimi anni le lavoratrici e i lavoratori dei negozi della multinazionale si sono visti tagliare la maggiorazione domenicale e hanno dovuto subire la trasformazione in orario part time quando non accettavano trasferimenti a centinaia di chilometri di distanza, che abbiamo sempre ritenuto essere in realtà licenziamenti mascherati.

 

USB ha denunciato tutte le irregolarità commesse dalla catena di elettronica di consumo e ha più volte chiesto all’azienda chiarimenti, senza ricevere alcuna risposta.

 

L’azienda, che ha ricevuto finanziamenti statali per salvaguardare i propri dipendenti, non solo non rende conto, anzi, con l’arroganza padronale che finora l’ha contraddistinta, ma decide di aprire nuovi punti vendita, fra cui quello centro commerciale GRAn Roma, di imminente apertura nella zona Est della Capitale.

Il punto vendita prevede assunzioni nuove di zecca, senza minimamente porsi il problema della ricollocazione del personale trasferito fuori regione, già in forza nell’azienda da anni.

 

Ci appare chiaro che questa scelta avviene per poter inserire all’interno della nuova attività giovani e giovanissimi a cui applicare contratti molto meno tutelati di quelli dei loro colleghi, aprendo la strada all’ennesima stagione di precariato, ovviamente al ribasso.

 

USB continuerà a esigere risposte e vigilerà affinché le grandi catene che apriranno i loro punti vendita all’interno del nuovo centro commerciale non seguano l’esempio di Mediaworld, fatto di disprezzo totale dei diritti dei lavoratori e di ottocentesca arroganza padronale.

 

Usb denuncerà alò ministero del lavoro le irregolarità commesse da miediaworld e monitorerà affinché siano scongiurate irregolarità simili all'interno di tutti i centri commerciali.

 

USB Lavoro Privato

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni