AREA STAMPA

Piero Santonastaso

DIpartimento Comunicazione

Tel./Phone:
(+39) 3456712454

Fax:
(+39) 06 54070448

e-mail:
areastampa@usb.it

Roma, via dell'Aeroporto 129

MIGRANTI: ANCHE LA CISPM (COALIZIONE INTERNAZIONALE DEI SANS PAPIERS, MIGRANTI, RIFUGIATI E RICHIEDENTI ASILO) IN PIAZZA A MILANO IL 28 FEBBRAIO

Roma -

Diritto al lavoro dignitoso, No alle guerre e contro ogni forma di razzismo e discriminazione

 

 

“Tra stragi nel canale di Sicilia, sistema affaristico dell’accoglienza e crisi, che in Italia ha prodotto tanta disoccupazione con una crescita scandalosa degli sfratti, noi saremo in piazza a Milano il 28 febbraio raccogliendo l’invito del Forum Diritti Lavoro”, è l’annuncio di Aboubakar Soumahoro, dell’Esecutivo nazionale USB e portavoce per l’Italia della Coalizione Internazionale dei Sans Papiers, Migranti, Rifugiati e Richiedenti Asilo (CISPM).

 

“Ricordiamo che la crisi, con i suoi dati materiali, con un tasso di disoccupazione che coinvolge oltre 24 milioni di persone nell’Unione Europea ed in particolare oltre 8 milioni di persone nella zona Euro, non può essere giustificata scaricando le colpe sui migranti o richiedenti asilo. Perché questa crisi, che tra l’altro colpisce gli stessi migranti, è anche conseguenza di scelte politiche nazionali - attacca Soumahoro - di cui sono state protagoniste forze politiche come la Lega Nord che porta avanti una campagna strumentale con derive razziste nei confronti dei migranti, rom, richiedenti asilo e rifugiati”.

 

“Mentre il 28 febbraio alcune forze come Lega Nord e gruppi neo fascisti saranno a Roma, in una manifestazione con evidenti tratti xenofobi e razzisti - continua Soumahoro - lo stesso giorno noi saremo nel cuore della Lombardia, dove precarietà, sfruttamento e speculazioni edilizie sono riscontrabili nello ‘spaccato nascosto’ dell’Expo”.

 

“Saremo dunque in piazza uniti insieme ai lavoratori, precari, disoccupati, sfrattati, studenti e pensionati, che insieme a noi esprimono gli stessi bisogni materiali come il diritto al lavoro dignitoso, il No alle guerre e contro ogni forma di razzismo e discriminazione”, conclude Soumahoro.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni